genitori e bambina di spalle mano nella mano

Rapporto genitori e figli, imparare sul campo

Fare il genitore è spesso definito a buona ragione come uno dei mestieri più belli e difficili al mondo. Per quanto ci si possa preparare la realtà è che non esistono veri manuali di istruzioni, tutorial o corsi di addestramento. Si diventa madre e padre direttamente sul campo, facendo, sbagliando, imparando da soli, e ricorrendo al sostegno esterno nei casi in cui ci si accorge di affrontare un disagio al di là delle proprie forze. Vediamo perché comunicare tra genitori e tra genitori e figli è così importante nelle varie fasi della vita.

depressione e disagio psichico

Airbus 320 Germanwings – C’è ancora qualcosa da dire su Andreas Lubitz?

Ancora Due Considerazioni… La prima è che Andreas Lubitz era giovane: come uomo e come pilota (600 ore di volo). Tuttavia tecnicamente era estremamente preparato. Volava sin da giovanissimo e aveva passato le selezioni secondo gli standard della federazioni più esclusive. Nel suo piccolo incarna la situazione di una società che evolve scientificamente senza consapevolezza morale: alla capacità dell’uomo di disporre dell’energia nucleare non corrisponde la capacità di usarla in modo creativo anziché distruttivo. Su questo i commentatori sono concordi nell’auspicare sistemi più efficaci nella selezione del personale di volo. Tuttavia il commento del collega Casolari sottolinea la pericolosa saldatura tra efficaci sistemi di controllo sociale e l’esigenza del singolo di sentirsi perfetto. Andreas Lubitz era in attesa di un ulteriore controllo medico e alcuni hanno ipotizzato che la paura di non passarlo possa essere stata una delle cause scatenanti la tragedia. Ovviamente non è possibile fare a meno dei controlli, ma questa tragedia dovrebbe insegnarci anche che è necessario chiedersi quali sono gli effetti di un certo tipo di controllo su un gruppo sociale come è in questo caso una compagnia di volo. I controlli predisposti sono di tipo tecnologico: prove psicometriche, test attitudinali, misurazioni biomediche. La tecnologia che cerca di controllare se stessa! Dalle ricostruzioni è sempre più evidente come il gesto di Lubitz sia stato altamente tecnologico: pianificato nel dettaglio ed eseguito con freddezza. Le normali chiacchiere con il pilota prima che questi uscisse dalla cabina, e le registrazioni di un respiro e ritmo cardiaco regolari nei minuti prima dello schianto. Alcuni colleghi auspicano colloqui psicologici mensili. Può essere utile, ma nel caso Lubitz? Ci sarebbe stato...