PSICOTERAPIA GRATUITA

PSICOTERAPIA GRATUITA

Buono Psicologico della Regione Lazio

Per accedere alla psicoterapia gratuita sono state messe in campo diverse iniziative in seguito anche all’aumento del disagio psicologico a causa della pandemia covid 19.

Qui vedremo la prima delle misure che risulta attiva, in attesa delle altre che saranno attivate nei prossimi mesi.

Ne abbiamo già accennato in un precedente post (link) insieme al più noto “bonus psicologo” che nonostante sia stato approvato ancora non risulta attivo.

Introduzione: psicoterapia gratuita con il buono della Regione Lazio come funziona?

La regione Lazio ha approvato un congruo stanziamento che consentirà ai bambini dai 6 anni e ai ragazzi fino ai 21 anni di accedere gratuitamente alle terapie psicologiche per un massimo di venti colloqui psicologici.

Lo stanziamento è relativo ad un triennio, ovvero dal 2022 al 2024, ed è rivolto a chi ha un ISEE inferiore ai 40.000 euro. Una soglia dunque abbastanza alta.

Per accedere al buono che, lo ripetiamo, è completamente gratuito bisogna chiedere al proprio medico o pediatra di base di compilare un modulo per la richiesta (nel caso dei minorenni sarà uno dei genitori a fare la richiesta al pediatra).

Con la richiesta del medico o pediatra si potrà dunque accedere al portale della regione Lazio per inviare la richiesta dal buono (per l’anno 2022 le richieste si possono già presentare).

Infine il bando prevede anche che la persona deve essere regolarmente iscritta ad uno dei seguenti percorsi del sistema di istruzione e formazione regionale (istruzione primaria di primo e secondo grado; istruzione secondaria; sistema regionale della formazione professionale IeFP; istruzione di tipo universitario, ITS e Accademie).

Una volta pubblicata l’ammissione del buono, la persona dovrà individuare il professionista cui rivolgersi per usufruire della psicoterapia gratuita.

In sintesi, i requisiti per presentare la domanda sono:

– età tra i 6 e i 21 anni (per le successive annualità stanno valutando di estendere fino ai 26 anni);

– essere residenti nella regione Lazio;

– avere un ISEE inferiore ai 40.000;

– essere iscritto ad un percorso di istruzione o formazione;

– richiesta del medico o pediatra di base.

Vedremo ora tutti gli step nel dettagio con le relative indicazini e link per eseguirli.

Step 1: la richiesta del medico o pediatra di base.

Il medico o il pediatra di base deve identificare il bisogno del paziente e compilare un semplice modello che potete scaricare qui per fare la richiesta del buono psicologo.

Nel caso di ragazzi maggiorenni, il medico potrà rilasciare la richiesta direttamente alla persona. Mentre nel caso di minori, rilascerà ad uno dei genitori il modulo compilato e sarà poi questi ad inserire la domanda tramite il portale.

Sono previste due tipologie di intervento:

– una di primo livello di consultazione e diagnosi per un massimo di quattro incontri;

– una di primo livello di abilitazione-riabilitazione e sostegno per un numero da otto a sedici incontri.

Il medico deve indicare nella richiesta il tipo di intervento. Ad ogni modo, in seguito all’intervento di consultazione e diagnosi (le prime 4 sedute), il medico potrà rilasciare una seconda richiesta per un intervento di abilitazione-riabilitazione e sostegno (altre 8-16 sedute) e il paziente presentare un’ulteriore domanda.

Step 2: presentazione della richiesta tramite il portale

La persona che richiede l’intervento se maggiorenne o uno dei suoi genitori se minorenni può a questo punto accedere al portale della regione Lazio dedicato per presentare la domanda.

È possibile scaricare o visualizzare un manuale per ogni dubbio relativo alla registrazione al portale e al caricamento della domanda (link)

Il portale è all’indirizzo: https://buonopsicologico.efamilysg.it/

Qui bisogna registrarsi e tramite il proprio account riservato compilare la domanda in ogni sua parte e caricare i documenti richiesti che sono:

– documento di identità del soggetto richiedente (un genitore nel caso di un minore) e del soggetto destinatario (nel caso di un minore);

– richiesta del medico o pediatra di base;

– iscrizione ad un percorso di istruzione o di formazione;

– documentazione attestante la genitorialità nel caso di un minore;

– attestazione ISEE relativo all’anno di partecipazione (ad es. nel 2022 ISEE corrente relativo ai redditi 2020).

Poi bisognerà scaricare la domanda, stamparla, firmarla e caricarla sulla piattaforma per completare la richiesta.

Questa è l’unica modalità ammessa per la presentazione della domanda.

L’avvio per la presentazione delle domande è stato stabilito per i prossimi tre anni in queste date:

– ore 9.00 del 22/06/2022;

– ore 9.00 del 15/05/2023;

– ore 9.00 del 15/02/2024.

Step 3: Pubblicazione delle richieste ammesse

Essendo questo un bando “a sportello”, saranno approvate le domanda in ordine di arrivo in base alle disponibilità economiche fino ad esaurimento dei fondi.

Secondo un calcolo approssimativo, per la prima annualità sono stati stanziati sufficienti fondi per soddisfare fino a 13.000 domande che corrisponde a circa il 16% della popolazione del Lazio per questa fascia di età. Dunque non ci dovrebbero essere problemi per approvare tutte le richieste che arriveranno.

Successivamente alla presentazione delle domande potranno essere richieste integrazioni o rettifiche alla domanda a cui bisognerà rispondere entro cinque giorni.

Non sono indicati i tempi entro qui la regione comunicherà l’ammissione o meno della domanda. Ma i tempi non dovrebbero essere lunghi, dal momento che dovranno solo verificare la completezza della documentazione caricata. Una volta esauriti i fondi non sarà più possibile presentare domanda per quell’annualità.

Step 4: Attivazione del Buono ed individuazione del professionista psicologo

Una volta pubblicata l’ammissione della domanda e comunicata alla persona via mail e sulla piattaforma e-family, il soggetto richiedente deve attivare il buono entro 30 giorni. Dovrà quindi connettersi alla sua area riservata sulla piattaforma efamily ed attivare il buono. Il sistema genera online un codice di attivazione del buono. Questo codice sarà valido per 60 giorni, entro i quali la persona richiedente deve individuare il professionista cui rivolgersi per l’intervento.

I professionisti del nostro centro che hanno aderito all’iniziativa sono:

– Emiliano Alberigi (link);

– Giada Cegna (link);

– Valentina Maggiorelli (link).

In alternativa si possono consultare tutti i professionisti che hanno aderito e si sono resi disponibili nella pagina dedicata dell’albo degli psicologi del Lazio (link) https://ordinepsicologilazio.it/aiutamente

Una volta presi accordi con il professionista, verificata la sua effettiva disponibilità, il richiedente deve indicarlo tramite la piattaforma dell’ordine (link) e il professionista dovrà accettare la richiesta entro 10 giorni.

Questo è l’ultimo passaggio che dovrà compiere il richiedente, in seguito sarà il professionista insieme al medico o pediatra inviante ad occuparsi di ogni altro passaggio burocratico.

Questa iniziativa è valida anche per chi sta già effettuando un percorso di psicoterapia.

Materiali utili

Bando della regione Lazio

Manuale per gli utenti

Modulo per il pediatra o medico di base

Articoli recenti

Consulenze

Terapie