Consulenza Psicologica Genitoriale

Cos’è la Consulenza Psicologica Genitoriale

La consulenza psicologica genitoriale serve ad individuare i disagi psichici o relazionali presenti all’interno di famiglie in cui i genitori avvertono un grave disagio, o la perdita di controllo, nel seguire la crescita dei loro figli.

Anche quando le difficoltà con i propri figli si presentano in modo chiaro ed intenso, raramente la coppia genitoriale riesce ad analizzarle in modo condiviso e propositivo, per cui la consulenza genitoriale serve anche a far sì che i genitori comprendano la realtà della situazione e collaborino per risolverla.

Dunque la consulenza genitoriale prevede che anche i genitori siano coinvolti nell’analisi delle difficoltà dei figli.

La consulenza genitoriale viene, infatti, svolta direttamente con i genitori e solo in seguito il terapeuta incontrerà il bambino o l’adolescente.

Nel caso di coppie separate, divorziate o dove vi sono conflitti troppo profondi, può accadere che non sia possibile ottenere alcun tipo di coinvolgimento da parte di uno dei due genitori.

Il compito dello psicoterapeuta è cercare di ottenere una collaborazione da parte della coppia genitoriale, per il benessere del minore, anche se non sono più una coppia coniugale. Solo davanti ad una impossibilità a realizzare un lavoro con la coppia genitoriale si può pensare e proporre di fare un lavoro individuale con il genitore coinvolto.

Le Difficoltà di Richiedere una Consulenza Genitoriale

Per un genitore, solitamente chiedere aiuto suscita sentimenti ambivalenti.
Accade di sentirsi in colpa, inadeguati o impotenti, non in grado di poter aiutare da soli il proprio bambino e questo ferisce enormemente un genitore.

In alternativa può succedere di mettere in azione dei meccanismi difensivi che portano a minimizzare le difficoltà dei figli, a negarle o ad imputarle a fattori transitori.

Spesso il padre e la madre incarnano due atteggiamenti opposti, ad esempio una preoccupazione eccessiva da un lato e una negazione di ogni problema dall’altro; questo ovviamente non aiuta la coppia genitoriale a prendersi cura delle difficoltà dei figli, nonostante alla base di questi opposti atteggiamenti vi sia lo stesso desiderio di benessere per il figlio.

La consulenza genitoriale aiuta la coppia genitoriale a gestire le emozioni e gli atteggiamenti correlati alle difficoltà dei figli, in modo da evitare fenomeni quali sensi di colpa, negazione dei problemi, ansia di controllo.

La consulenza genitoriale aiuta anche la coppia genitoriale a gestire le emozioni e gli atteggiamenti correlati alle difficoltà dei figli, in modo da evitare fenomeni quali sensi di colpa, negazione dei problemi, ansia di controllo o lassismo.

Dopo la Consulenza Psicologica Genitoriale

consulenza genitoriale roma nord

A seconda delle differenti situazioni familiari, dopo una consultazione genitoriale si possono intraprendere diversi percorsi:

  • si può valutare l’opportunità di iniziare una consultazione anche con il bambino e decidere solo in seguito che i figli intraprendano un percorso di psicoterapia specifico per la loro età (infanzia o adolescenza); i genitori saranno comunque coinvolti nel progetto terapeutico attraverso incontri periodici con il terapeuta infantile.
  • si può ritenere che la coppia o il singolo genitore possano attivare le proprie risorse interne per affrontare le difficoltà dei figli grazie ad un percorso di psicoterapia (individuale o di coppia);
  • infine, nei casi in cui non si ritiene opportuno un intervento psicoterapeutico, si possono consigliare degli incontri di supporto alla genitorialità per affrontare il periodo attuale di difficoltà che la famiglia sta affrontando

 

Per richiedere una Consulenza Psicologica Genitoriale

Contattaci