La scoperta di sé in età giovanile

La scoperta di sé in età giovanile

Adolescenza e vent’anni, sono forse tra i due periodi della vita più ricchi di vissuti ed esperienze, che rimangono per sempre nel bagaglio di ricordi delle persone. Esperienze positive, preziose, gioiose, di scoperta di sé e del mondo. Esperienze negative, frustranti, rabbiose, tristi, che portano a chiudersi come un riccio. Nel bene e nel male, il periodo che va dagli anni delle scuole medie fino a quasi trent’anni è considerato, da professionisti della salute mentale e non, uno dei periodi più cruciali dello sviluppo.

Adolescenza: difficoltà e cambiamenti

Eppure, nonostante le grandi difficoltà che si possono incontrare lungo il percorso, è sempre difficile riuscire a chiedere una mano, un aiuto per poter uscire da una situazione sofferta. Le fonti di difficoltà possono essere le più varie. Dalle difficoltà familiari a quelle scolastiche, sentirsi poco concentrati, disinteressati al proprio futuro. Oppure delusioni amorose, conflitti con i pari, violenze subite, difficoltà nell’aver a che fare con le proprie e altrui emozioni, affrontare i cambiamenti del proprio corpo, scoprire la propria sessualità. O anche il passaggio dalla scuola all’università, le prime responsabilità da sopportare, l’inizio di un lavoro, la scoperta della vita adulta. Qualsiasi sia la fonte di sofferenza, quest’ultima merita di essere curata.

Consultazione psicologica e psicoterapia in età giovanile

Per questo motivo, la consultazione psicologica o la psicoterapia nell’età giovanile ha un ruolo fondamentale nel promuovere la salute mentale non solo attuale, ma anche futura. Il percorso di consultazione o di psicoterapia permette di scoprire nuove vie per affrontare le difficoltà che si vivono, scoprire di più di sé stessi, viversi con curiosità ciò che si ha dentro e migliorare il proprio tenore di vita.

Il periodo dell’adolescenza e della prima età adulta è, infatti, il periodo più caratterizzato dalla curiosità nel conoscere meglio sé stessi e gli altri. Riflessioni sul corso della propria esistenza, sulle relazioni, i desideri per il futuro e le preoccupazioni del presente. La spinta a conoscere il mondo e sé stessi può subire un arresto in condizioni di ansia o depressione, facendo ristagnare la propria mente in rimuginazioni, preoccupazioni e rimpianti per ciò che non si è riuscito a costruire per la propria vita. Anche il capire chi si sta diventando, che tipo di persona si diventerà, può lasciare interdetti, sconcertati, incerti.

I giovani si dichiarano insoddisfatti

In Italia, secondo le fonti del SIP, circa il 10% dei giovani si dichiara insoddisfatto della propria vita, presentando situazioni di difficoltà emotiva. Sofferenze a causa di varie forme di depressione e ansia, perdita del piacere nelle varie sfere della propria vita, uso di sostanze o comportamenti a rischio, come il gioco d’azzardo o le ferite autoprocurate, fino alle più dolorose idee o atti di suicidio.
Tutti questi fattori di rischio meritano di essere curati e trattati con un intervento adeguato dal punto di vista psicologico. La psicoterapia o la consultazione psicologica spesso hanno il bollino di interventi lunghi, pesanti da sostenere o che non avranno un effetto immediato benefico. Le ricerche internazionali, invece, dimostrano quanto gli effetti delle psicoterapie psicodinamiche apportino benefici nel breve e nel lungo periodo non solo sui sintomi emotivi e fisici, ma anche nel funzionamento globale della persona che richiede un aiuto psicologico.

La psicoterapia in età evolutiva

La psicoterapia è un’opportunità che si può scegliere per migliorare il proprio stato emotivo, le proprie difficoltà, per conoscere meglio sé stessi e il mondo che si vive. Un valido aiuto durante una fase della vita piena di dubbi e difficoltà. Uno spazio dedicato a sé stessi, dove poter lavorare congiuntamente con professionisti esperti e attenti, che valorizzano i vissuti soggettivi, senza giudizi o semplificazioni.

La difficoltà del domandare un aiuto psicologico può essere uno degli scogli più difficili da superare, per via di imbarazzi, vergogne, preoccupazioni che non si venga a sapere o anche la preoccupazione che questa domanda porterà a scoprire una sofferenza maggiore, più spaventosa. La possibilità di intraprendere un percorso psicologico in giovane età, però, permette di affrontare queste sofferenze e così di avere un presente e un futuro più sereni. È un investimento sulla propria vita e la propria felicità, scoprendo nuove risorse e nuovi orizzonti dentro di sé.

Riferimenti

https://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?approfondimento_id=11664

https://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=66415

https://www.spiweb.it/stampa/il-manifesto-5-giugno-2019-lefficacia-incompresa-dellorientamento-psicodinamico-un-convegno/

https://www.spiweb.it/stampa/donnecultura-4-giugno-2019-efficacia-della-psicoterapia-psicoanalitica/

Invia commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This